Da essere pubblicato l'11 gennaio 2006

L’Hospitality Club dà il benvenuto al 100millesimo membro

Dresda, Germania – L’Hospitality Club è un’organizzazione on line dedicata a mettere in contatto viaggiatori con persone del luogo che offrono ospitalità gratuitamente. L'11 gennaio, cinque anni dopo la sua creazione da parte dello studente tedesco Veit Kuehne, il Club si prepara a festeggiare i suoi 100.000 membri distribuiti in oltre 200 paesi. Il suo indirizzo Internet è: www.HospitalityClub.org.

L’Hospitality Club è la prima organizzazione in linea a offrire su grande scala la possibilità per i viaggiatori di mettersi in contatto con persone del loro luogo di destinazione aperte a scambi culturali. Coloro che ospitano possono offrire gratuitamente un tetto ai visitatori, semplicemente mostrar loro la città o condividere un pasto con essi. Una volta tornati a casa saranno forse questi ultimi, a loro volta, ad aprire le loro porte ad altri viaggiatori.

L’intero sistema è completamente gratuito. Il sicuro ed efficiente sito internet operativo in più di trenta lingue e il suo database, il suo forum, e la sua chatroom dipendono dal lavoro di centinaia di volontari situati nel mondo intero.

Come funziona

Tutti possono farne parte a condizione che forniscano il loro vero nome e il loro indirizzo mail, nonostante questa informazione possa in seguito essere nascosta agli altri membri. I nuovi utenti saranno invitati a compilare il loro profilo con informazioni relative a loro stessi, ai loro gusti e alle loro preferenze. I visitatori del sito useranno poi questi profili per selezionare chi contattare in una città che potrebbe avere centinaia di potenziali ospitanti.

Il futuro ospite invia il suo primo messaggio attraverso il sito internet dell’Hospitality Club, una misura di sicurezza attuata per evitare l’arrivo di messaggi spam indesiderati sull’ account di posta elettronica dei membri. I mittenti devono fornire il loro nome completo e il numero di un documento di identificazione quale la carta d'identità o il passaporto. Devono inoltre fornire informazioni riguardanti il loro viaggio.

Una volta ricevuto il messaggio, colui al quale è chiesta ospitalità visiterà il profilo del potenziale ospite e leggerà commenti lasciati da altri membri che l’hanno incontrato nel passato. Utilizzando tutte queste informazioni egli deciderà se ospitare o meno la persona che gli ha chiesto alloggio.

Obiettivi

L’Hospitality Club è un progetto non profit e senza scopi commerciali. È stato fondato con la convinzione che facendo incontrare le persone ed incoraggiando l’amicizia internazionale, la comprensione interculturale aumenterà e la pace sarà così rafforzata.

« Un giorno tutti avranno l’opportunità di visitare qualunque paese sapendo che qualcuno aspetta di riceverli a braccia aperte » – afferma Kuehne. « Le persone viaggeranno in una maniera differente, incontreranno uni gli altri e costruiranno una conoscenza e una comprensione interculturale attraverso il contatto personale. »

« Ci saranno molti membri in luoghi come l’Israele e la Palestina, l’Irlanda del Nord, i Balcani, la Cecenia, il Ruanda o il Timor che offriranno ospitalità gli uni agli altri, e a piccoli passi l’Hospitality Club avrà aiutato a fare della pace una visione duratura per il nostro meraviglioso pianeta » egli aggiunge.

La storia

L’Hospitality Club succede a Hospex, un tentativo del 1991 di utilizzare Internet per donare dinamismo al concetto creato da Servas dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il Club riuscì a rendere lo scambio di ospitalità semplice e gratuito, e facendolo diventare accessibile al viaggiatore medio introducendo un forte sistema di sicurezza che varia dalla protezione spam al controllo dei passaporti, fino a una sofisticata struttura retroattiva.

Ci è voluto un lungo periodo - dalla fine del 2000 fino all’inizio del 2004 - finchè il network raggiungesse i 10.000 membri, ma da allora la crescita è stata esponenziale. Dopo meno di due anni, il Club aveva già sorpassato la soglia dei 100.000 membri. Kuehne sta puntando ora a niente di meno che al rapido raggiungimento di un milone di membri. Alla velocità attuale del livello di crescita, questo sogno, una volta ritenuto incredibile, si avvererà in meno di due anni.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI, incluse foto e numerosi contatti locali, vi preghiamo di visitare il sito http://100k.HospitalityClub.org.

Contatto internazionale: Veit Kuehne (inglese, tedesco, spagnolo e francese), +49 (0)173 7749365 / veit@hospitalityclub.org

Contatto locale: Bernardo Damele, +39 349 38 21 385 / inquis@hospitalityclub.org

###