The Hospitality Club
... fare incontrare la gente!
Prima volta qui? Domande? Parla con membri e volontari ora!
EnglishEnglish Arabicعربي BulgarianБългарски Chinese中文 Chinese simplified中文 GermanDeutsch EstonianEesti SpanishEspañol EsperantoEsperanto FrenchFrançais hebrewעברית HungarianMagyar PolishPolski PortuguesePortuguês RomanianRomână RussianРусский slovenianSlovenščina SerbianSrpski FinnishSuomi SwedishSvenska TurkishTürkçe ukrainianУкраїнська Login     Iscriviti!

Chi siamo - La storia dell'Hospitality Club.

 Informazioni
Home
FAQ
Tour
Paesi
Esperienze
Ambasciatori
Esempi di profili
Regolamento
Media
Chi siamo
Forum
Chat
Links
Mappa del sito


 Speciali
AFS
AIESEC
Attac
Eco
Freeloaders
Hitchhikers
Indigenous
Mensa
NGOs
Onenightstay
Peace
Servas
Unitas
YFU
Zellidja

 Vantaggi
- pernottamenti gratuiti in tutto il mondo
- incontri con persone amichevoli
- nessun costo
- scambi interculturali
- nessun obbligo
- misure di sicurezza
- senza fini di lucro
... sali a bordo!

 Statistiche
number of Hospitality Club members
Questa è la storia dell'Hospitality Club e della gente che c'è dietro - come l'abbiamo fondato, come si è sviluppato e cosa potrebbe diventare in futuro. L'abbiamo descritto nella maniera più completa possibile in modo che tu possa avere la percezione di quello che abbiamo fatto e delle nostre motivazioni.

Storia dello scambio di ospitalità
L'idea dello scambio di ospitalità ha una lunga storia. Dopo la II Guerra Mondiale, Bob Luitweiler fondò Servas come organizzazione per la pace. Egli sperava di incentivare la comprensione interculturale e di costruire la pace attraverso la costituzione di una rete mondiale di porte aperte. Nelle decadi seguenti, altre persone fondarono organizzazioni similari, e molti gruppi con interessi specialistici si formarono - reti di scambio di ospitalità per motociclisti, per donne, per autostoppisti , per chi conosce l'esperanto. Veit Kühne fondò una rete per i membri della AFS la più vasta organizzazione di scambi studenteschi, basata sul modello dei coordinatori volontari usata dalla rete di ospitalità Mensa di SIGHT. Tutte queste reti affrontarono gli stessi problemi: stampa delle liste degli ospiti, raccolta delle tasse d'iscrizione, diffusione dell'idea.

Internet
Poi venne internet, Il pioniere nell'uso di questa nuova tencologia fu Hospex, una rete con base in Polonia (che ha chiuso i battenti). Altre reti hanno tentato la strada di internet, nell'estate del 2000 il database più importante era quello della comunità degli autostoppisti - la casa degli autostoppisti (anche questa ha chiuso). Ma non ci fu un approcio professionale e globale.

L'idea
Veit (allora 22enne) doveva lavorare ad una ricerca per i suoi studi a Coblenza, in Germania. Dopo una notte trascorsa a navigare su internet nel laboratorio di computer dell'università, tornò a casa. Era l'11 luglio 2000. Mentre fumava una sigaretta indonesiana ai chiodi di garofano sul suo letto, alle 6 del mattino fu folgorato - il mondo era pronto per una rete di scambi ospitalità gratuita, sicura e su base volontaria che avrebbe tratto enorme vantaggio da internet. I giorni seguenti la sua testa era piena di pensieri, piani, emails e discorsi. I suoi fratelli più giovani Kjell , Kay , Constanze e Till (tutti partecipanti agli scambi studenteschi di AFS e coinvolti in questa organizzazione per la costruzione della pace) e amici erano eccitati dall'idea e promisero il loro supporto.

Il primo sito
Abbiamo analizzato tutte le altre reti di scambio di ospitalità e abbiamo tentato di basare la nuova organizzazione sulle loro migliori caratteristiche. Abbiamo anche aggiunto alcune idee innovative come il controllo dei passaporti, il meccanismo del feedback e dei commenti e un sistema anti-spam ottenuto attraverso la protezione degli indirizzi di posta elettronica. Un paio di settimane più tardi, Kay si fermò a Coblenza per aiutare a costruire il sito. Poi Kjell andò pure lui a Coblenza per aiutare a costruire le pagine, portando a termine le idee. Insieme spesero molte notti lunghe ma piacevoli nel laboratorio dei computer ascoltando musica a tutto volume, mangiando pizza e lavorando alla costruzione del sito. Alla fine la prima versione del sito dell'Hospitality Club era pronta e, pochi minuti dopo la sua apparsa su internet, il primo membro si era già iscritto.

Il database
Il sito era operativo ma non molto agile. Ci volevano più di cinque minuti per accettare nuovi membri e spedire messaggi tra membri era veramente complicato. L'Hospitality Club necessitava di un database. Inoltre, nel primo anno, 750 persone avevano aderito al club e nel secondo anno altri 600. Agli inizi dell'estate del 2002 l'italiano Claudio Pacchiega iniziò a lavorare su un database per l'Hospitality Club, basandolo sui processi concepiti da Veit e migliorandolo con alcune idee molto brillanti che resero il sistema ancora più sicuro e facile da navigare. Finalmente, nel luglio del 2002, il sito su database dell'Hospitality Club era pronto. Contemporaneamente, Veit completò i suoi studi universitari e diede inizio ad un progetto che sta ancora portando avanti: viaggiando in autostop per il mondo, egli cerca di affascinare un milione di persone con l'idea dello scambio di ospitalità. Da allora, il club ha conosciuto una crescita esponenziale, con migliaia di apparizioni nei media in tutto il mondo che parlavano di noi e migliaia di persone che aderivano.

Punti importanti su HC
L'Hospitality Club è un progetto non a fini di lucro. L'abbiamo fondato perché siamo convinti che fare incontrare la gente e incentivare l'amicizia tra i popoli accresca la comprensione interculturale e, conseguentemente, rafforzi la pace . Non ci interessa ricavare un profitto dal sito. Per mantenerlo gratuito e ben funzionante, la nostra più grande sfida consiste nel motivare gli altri a condividere la nostra idea ed aiutarci a sostenerla. Ecco perché è stata fondata come organizzazione di volontari dove ognuno può apportare il proprio contributo. Allo stesso tempo, il club è un progetto a lungo termine che ci coinvolgerà per molti anni a venire. Cerchiamo di portare avanti questo progetto nella maniera più professionale, sicura e amichevole possibile. Cerchiamo di trarre vantaggio dalla tecnologia dove questo ha senso ma stiamo attenti a non dimenticare la nostra missione: agevolare gli incontri diretti tra esseri umani.

Il futuro
I punti di cui sopra ci fanno credere che l'Hospitality Club sia un progetto durevole. Siamo determinati a fare dello scambio di ospitalità un fattore importante per i viaggiatori. E' una cosa sensata: è un modo di viaggiare divertente, ecologica , economica e socialmente utile. Daremo inizio a forme di partneriato e cooperazione con molte altre organizzazioni e persone in tutto il mondo. E cercheremo sempre di migliorare il sito e le strategie del club, basandoci sui commenti dei nostri membri. Nel giro di pochi anni, non avrai più dubbi su dove cercare nuove persone da incontrare quando sei viaggio o da ospitare a casa tua: la nostra rete di amici in tutto il mondo.

Il nostro sogno
Un giorno ognuno potrà andare in un qualsiasi paese straniero sapendo che ci sarà qualcuno ad accoglierlo a braccia aperte. La gente viaggerà in maniera differente, si incontrerà e baserà la comprensione interculturale sui contatti personali. Ci saranno membri in posti come Israele e la Palestina , l'Irlanda del Nord, la Bosnia , la Cecenia e la Russia , il Ruanda e Timor Est che scambieranno ospitalità con chiunque altro e, un passo alla volta, l'Hospitality Club darà il suo contributo a fare della pace una prospettiva durevole per il nostro pianeta. Aiutaci a raggiungere il nostro sogno - non vediamo l'ora che anche tu salga a bordo !



Per saperne di più - Iscriviti!

Tutti i paesi
Afghanistan . Albania . Algeria . Andorra . Angola . Anguilla . Antigua e Barbuda . Arabia Saudita . Argentina . Armenia . Aruba . Australia . Austria . Azerbaijan . Bahamas . Bahrein . Bangladesh . Barbados . Belgio . Belize . Benin . Bermuda . Bhutan . Bielorussia . Bolivia . Bosnia Erzegovina . Brasile . Bulgaria . Burkina Faso . Burundi . Cambogia . Cameroun . Canada . Capo Verde . Cayman . Cechia . Cile . Cina . Cipro . Colombia . Congo . Corea del Sud . Costa d'Avorio . Costa Rica . Croazia . Cuba . Danimarca . Dienvidāfrika . Ecuador . Egitto . El Salvador . Emirati Arabi Uniti . Estonia . Etiopia . Fiji . Filippine . Finlandia . Francia . Gabon . Gambia . Georgia . Germania . Ghana . Giamaica . Giappone . Giordania . Grecia . Grenada . Groenlandia . Guadalupa . Guam . Guatemala . Guyana . Guyana Francese . Haiti . Honduras . India . Indonesia . Iran . Iraq . Irlanda . Islanda . Isle of Man . Isole Marianne Settentrionali . Isole Turks e Caicos . Israele . Italia . Jersey . Kazakistan . Kenya . Kirghizistan . Kuwait . Laos . Lesotho . Lettonia . Libano . Libia . Liechtenstein . Lituania . Lussemburgo . Macao . Macedonia . Madagascar . Maldive . Malesia . Mali . Malta . Marocco . Martinica . Mauritania . Mauritius . Messico . Moldavia . Monaco . Mongolia . Mozambico . Namibia . Nepal . Nicaragua . Nigeria . Norvegia . Nuova Caledonia . Nuova Zelanda . Oman . Paesi Bassi . Pakistan . Palau . Palestina . Panama . Papua Nuova Guinea . Paraguay . Perù . Polinesia Francese . Polonia . Portogallo . Portorico . Qatar . Regno Unito . Repubblica del Congo . Repubblica Dominicana . Riunione . Romania . Ruanda . Russia . Saint Kitts e Nevis . Saint Lucia . Samoa . Samoa Americane . São Tomé e Principe . Senegal . Serbia e Montenegro . Seychelles . Sierra Leone . Singapore . Siria . Slovacchia . Slovenia . Somalia . Spagna . Sri Lanka . Stati Uniti . Sudan . Svezia . Svizzera . Tagikistan . Taiwan . Tanzania . Thailandia . Togo . Trinidad e Tobago . Tunisia . Turchia . Turkmenistan . Ucraina . Uganda . Ungheria . Uruguay . Uzbekistan . Vanuatu . Venezuela . Vietnam . Yemen . Zambija . Zimbabwe .
 Persone
Veit Kühne
- fondatore e forza trainante del club
- nato nel 1978 a Leipzig, Germania Orientale
- entusiasta dello scambio di ospitalità
- volontario di lungo corso per AFS (anno di scambio trascorso nel North Carolina, USA)
- gran viaggiatore e autostoppista
- ha studiato Economia in Germania, USA e Belgio
- ora, viaggiando per il mondo, diffonde l'idea cercando di affascinare un milione di persone.
- sito personale:
www.veit.net

Kjell Kühne
- co-fondatore e fratello di Veit
- coinvolto in tutti gli aspetti del club
- nato nel 1979 a Radebeul, Germania Orientale
- attivista ecologista
- volontario di lungo corso per AFS (anno di scambio trascorso nel Borneo, Indonesia)
- genio linguistico (fluente in 12 lingue)
- Studia psicologia ed etnologia a Magonza

Pierre-Charles Marais
- super ospitante nel suo piccolo appartamento
- super volontario coinvolto in tutti i compiti
- nato nel 1983 in Normandia, Francia
- appassionato di architettura
- Guru delle borse di studio di viaggio Zellidja
- sito personale:
pietshah.free.fr

Jean-Yves Hegron
- programmatore per HC
- nato nel 1964 a Nantes, Francia
- entusiasta degli scambi interculturai
- padre di tre bambini
- lavora come project manager

Gerrit Otte
- super volontaria coinvolta in tutti i compiti
- nata nel 1977 a Georgsmarienhütte, Germania Settentrionale
- pacifista e scienziata informatica
- sito personale:
www.gerritotte.de

Volontari
Centinaia di persone si danno da fare aiutando come e quando possono - come volontari locali o con compiti specialistici. Ci piacerebbe che anche tu ci aiutassi - visita le pagine aiutaci e Info dettagliate per volontari per sapere cosa puoi fare per aiutarci!

Un ringraziamento speciale a
Claudio Pacchiega
- ha programmato la piattaforma di HC
- volontario di lungo corso di Servas
- nato nel 1969 a Torino, Italia
- lavora come programmatore a Torino


 Links sponsorizzati    ?

Home - Contatti - Menù principale - Iscriviti - Help - Tour - Paesi - Chi siamo - Chat - Mappa del sito - Disclaimer

Copyright © 2000-2006 The Hospitality Club. Tutti i diritti riservati.